Canini inclusi: come si curano

Canini inclusi: come si curano

Spesso nei bambini i denti permanenti non riescono ad uscire dalla gengiva e non crescono nella posizione corretta. In questo caso si parla di inclusioni dentali e non sono assolutamente rare: avvengono soprattutto nelle bambine, con un’incidenza doppia rispetto ai bambini, e i denti più colpiti sono quelli del giudizio e i canini nell’arcata superiore. Vediamo quindi assieme quali sono le cause dei denti del giudizio e dei canini inclusi e come si deve intervenire.

Le cause dell’inclusione dentale

Nel caso dei canini inclusi, la mancata eruzione dei denti permanenti comporta la mancata caduta dei denti da latte, che restano appunto “inclusi” nella dentatura definitiva. Nel 45% dei casi, i canini inclusi sono vestibolari, cioè crescono verso la guancia, e nel 40% palatali, quindi verso il palato. Le cause di questa inclusione dentale possono essere generalmente due. Prima fra tutte troviamo la problematica di un palato troppo stretto che impedisce la discesa del nuovo elemento dentale che non ha abbastanza spazio per emergere correttamente. A sua volta, il palato stretto può essere dovuto a diversi fattori, sia genetici sia legati ad abitudini viziate, come l’utilizzo prolungato del ciuccio, del biberon e la suzione del dito.

L’inclusione dentale può però essere causata anche dall’agenesia dentale: in questo caso, il dente da latte non cade perché non c’è alcun dente permanente all’interno della gengiva. Per distinguere le due patologie, è sufficiente effettuare una radiografia che, nel caso dell’inclusione dentale, evidenzierà l’elemento nuovo nell’osso.

Canini inclusi: è necessario un intervento?

Quando siamo in presenza di canini inclusi, è fondamentale agire con tempestività e rivolgersi ad uno specialista quanto prima. È necessario infatti intervenire sull’allargamento del palato tramite una terapia ortodontica, in modo da favorire l’eruzione spontanea del canino. Si può inoltre trattare questo fenomeno estraendo il dente da latte ed esponendo il dente permanente mediante un piccolo intervento chirurgico. Sarà poi necessaria una terapia ortodontica con apparecchio fisso per portare il dente nella posizione corretta nell’arcata dentale. Ogni caso è comunque a sé stante e spetterà al dentista valutare la terapia migliore per ogni situazione. Per questo motivo è fondamentale effettuare delle visite di controllo regolari in età infantile, per individuare queste problematiche quando sono ancora sul nascere ed evitare così ogni possibile complicazione.

Share:

Leave comment

Piazza Germanetti 13 Borgofranco d'Ivrea (TO)
Telefono
0125752173
Cellulare
3405728786